NEWS
26/05/2024

Lewis Capaldi: se la malattia peggiora sarò costretto a ritirarmi

È un giovane talento dalla voce graffiante e i testi profondi, l’artista scozzese Lewis Capaldi ha raccontato molte volte della sua malattia, è stato sostenuto e abbracciato dal suo pubblico in ogni defaiance: è amato al punto che il coro delle voci degli astanti si è sostituito e sposato perfettamente con le sue rumorose pause.

Soffre da anni della sindrome di Tourette e ha ammesso che i sintomi si manifestano in maniera sempre più evidente mentre si esibisce, una condizione che lo sta portando al limite: «Sto meglio quando suono la chitarra, ma odio suonarla. Sono una contraddizione vivente», ha dichiarato.

Una condizione che però peggiora, purtroppo e proprio a tal proposito ha dichiarato nelle ultime ore che se dovesse continuare a regredire sarebbe costretto a lasciare la musica, a smettere di fare il mestiere che adora e che lo ha reso noto per i suoi singoli intensi e colmi di vita. Sarebbe una grandissima perdita, speriamo dunque che l’epilogo possa essere diverso.

 

Condividici sul tuo social!