NEWS
12/07/2024

Simone Cristicchi contro la maternità surrogata. È polemica

«Vorrei vivere in un mondo dove la maternità surrogata venga abolita». Con queste parole il cantante 37enne Simone Cristicchi, vincitore del Festival di Sanremo nel.2007, inizia un post che è stato oggetto di grandi polemiche e critiche. Si parla di diritti, di privilegi, di soldi e della sua contrarietà alla gestazione per altri. Nello specifico scrive: «Nel mondo ricco, eterosessuale ed omosessuale, il figlio è un diritto, che se non si ottiene per grazia, fortuna e natura, si compra con il danaro»

Con questo suo pensiero condiviso e affidato ai social ha ricevuto migliaia di condivisioni, commenti, pareri. Ha poi raccontato la storia di una donna kosovara, Jelena, e della sua esperienza da madre surrogata. Testimonianza che avrà convinto l’autore di “Ti regalerò una rosa” che si tratta di un’ingiustizia. «Jelena -scrive Cristicchi – è nata e vive in un piccolo paese del Kosovo. Jelena è una roda, una cicogna. Nessuno deve sapere quale sia il suo lavoro; è un segreto, soprattutto per amici, parenti e villaggio. Ha prestato il suo utero a chi non poteva avere figli, anzi, in un mondo dove le parole rivestono estrema importanza, ha venduto, noleggiato, affittato il proprio utero».

E poi ancora: «Il costo di un bambino fatto e finito, esente da difetti, con ragionevole garanzia, varia da 35.000 a 50.000 euro; la quota che percepisce la cicogna, la donna, che ha subito l’impianto, che lo ha portato in grembo per nove mesi e che lo ha partorito, solitamente è di 5.000 euro».

E voi cosa ne pensate?

Condividici sul tuo social!