NEWS
28/09/2023

Sanremo, rischio anarchici: la città sarà blindata

La città e il Festival della canzone italiana saranno “sotto scorta”. Con l’allarme di possibili azioni di anarchici, per il caso Cospito, la sicurezza è stata rafforzata. Saranno 150 le unità in più al giorno e sono 100 gli uomini già presenti. Controlli con metal detector ai varchi della “zona rossa” attorno all’Ariston, unità speciali, tra cui reparti prevenzione crimine; unità antiterrorismo e specialisti della cyber sicurezza, utilizzo delle telecamere pubbliche di videosorveglianza, controlli in mare per Costa Smeralda. Questo il piano voluto e deciso dal questore della città, Giuseppe Peritore che ha spiegato che “il dispositivo è stato rafforzato a prescindere da una allerta specifica per garantire la sicurezza dell’evento”.

Il dispositivo è stato reso ufficiale nella riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal neo prefetto Valerio Massimo Romeo, a cui è seguito un tavolo tecnico in questura coordinato dal questore Peritore. “Nel corso del tavolo tecnico – dice il questore – è stato valutato l’impiego di dispositivi di rinforzo messi a disposizione dal dipartimento di pubblica sicurezza. Si tratta di 150 uomini che si aggiungono ai cento impiegati a livello territoriale, tra polizia, carabinieri e guardia di finanza”. “L’impianto si basa sull’intensificazione e il controllo del territorio con un presidio fisso rinforzato sugli obiettivi dove si svolgono le manifestazioni. Per la gestione delle operazioni è stata attivata una unità di crisi, in commissariato a Sanremo, con rappresentanti di tutte le forze di polizia e componenti della Rai”.

Condividici sul tuo social!