NEWS
17/05/2022

Sanità in Campania, arriva il Piano Straordinario per le liste d’attesa

È entrato nella fase esecutiva il piano della Regione Campania finalizzato al recupero dell’arretrato in ambito sanitario. Visite specialistiche, ricoveri medici e chirurgici, tutte necessità accumulate a causa della pandemia ma che verranno soddisfatte con un’importante aggiunta di risorse economiche. La legge di Bilancio ha infatti destinato 46 milioni alla sanità campana, a cui la Regione Campania ne ha aggiunti ulteriori 33. Nel dettaglio la Asl Napoli 1 su 11.442 ricoveri chirurgici da recuperare ne deve ancora erogare 6.631, 247 su oltre 5mila la Asl Napoli 2 e 3.622 su 5.700 la Asl Napoli 3. Più consistente la lista del Cardarelli (oltre 1.700 su 2.570 interventi). Un quadro simile ai Colli (1.776 su 2.858). Prenotazioni riassorbite solo per il 50 per cento anche nei Policlinici Federico II e Vanvitelli. Per i ricoveri di area medica la Asl Napoli deve fare di più in quanto è tra le poche realtà territoriali ad aver incrementato il fabbisogno di partenza e se un anno fa aveva un arretrato di 2.020 ricoveri a fronte di 1.795 recuperati se ne ritrova in fila ora ben 3.766.

Ogni Asl dovrà elaborare un proprio piano puntando alle prestazioni aggiuntive di medici e infermieri. I fondi saranno utilizzabili per l’assunzione di personale a tempo determinato dedicato. Si prevede inoltre un impiego di più ore dei medici nelle sale operatorie anche al pomeriggio e nei fine settimana, il ricorso agli specializzandi in Medicina e visite specialistiche anche la sera (in alcuni casi grazie alla sospensione dell’attività intramoenia). In deroga ai tetti di spesa, il piano prevede il coinvolgimento delle strutture convenzionate.

Condividici sul tuo social!

Meteo