NEWS
26/06/2022

Bud Spencer: Napoli vuole omaggiarlo

Lui era il GGG di Napoli, ovvero il grande gigante gentile. Nei suoi film c’erano calci e pugni, è vero, ma non c’era mai violenza: ogni lezione impartita era sempre in difesa di un debole, di un fragile e per la tutela dei diritti. Erano film che potevano guardare i bambini dell’epoca perché – a quei tempi – la morale era molto più rilevante del goffo e grottesco gesto apparentemente aggressivo. Poi, diciamola tutta, era impossibile non volergli bene quando recitava con o senza Terence Hill perché che Carlo Pedersoli fosse buono, lo dicevano i suoi occhi. Tra pochi giorni ricorrono i sei anni da quando questo grande attore, sceneggiatore, produttore non c’è più e Napoli, da sempre legata alla sua immagine, vuole omaggiarlo.

Bud Spencer, cittadino onorario della terra di Partenope, nacque a Santa Lucia nel 31 ottobre 1929. A Livorno è stata costruita una statua a grandezza naturale che lo ricorda e ora anche la sua terra natale ha iniziato l’iter. A lanciare la proposta di una piazza a lui intitolata è il consigliere del Comune di Napoli Gennaro Demetrio Paipais che aggiunge: “Carlo Pedersoli è stato una leggenda per una intera generazione, ha dato lustro alla nostra città in tutto il mondo e nel corso delle interviste anteponeva la napoletanità all’italianità”. Ogni proposta deve essere vagliata dalla Commissione Urbanistica del Comune di Napoli presieduta dal presidente Massimo Pep ma ci siamo: presto quell’uomo che ha dato lustro alla nostra città in tutto il mondo e nel corso delle interviste anteponeva la napoletanità all’italianità, tornerà a casa e ad accoglierlo ci saranno generazioni e generazioni cresciute con lui.

Condividici sul tuo social!

0:00
0:00

Meteo